DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA

Docenti: 
TROMBETTA PANIGADI Francesca
Crediti: 
9
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Responsabile della didattica: 
Settore scientifico disciplinare: 
DIRITTO DELL'UNIONE EUROPEA (IUS/14)
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre

Obiettivi formativi

Il corso si prefigge di formare la capacità di comprendere il sistema giuridico dell’Unione europea nelle sue più recenti evoluzioni e considerando specifici casi concreti. L’approfondimento, da conseguire mediante il necessario studio teorico, è orientato all’acquisizione dei criteri esegetici e sistematici idonei a consentire, anche in una prospettiva inevitabilmente dinamica del fenomeno giuridico, la lettura adeguata della normativa europea. Non meno rilevante è l’obiettivo di stimolare, in relazione a concrete fattispecie, la capacità di individuare i punti nodali di ciascun tema affrontato da sostenere argomentativamente e sviluppare in un potenziale dialogo tra pari. Le lezioni sono pertanto affiancate dallo studio del Trattato sull’Unione europea, del Trattato sul Funzionamento dell’Unione europea, della Carta dei Diritti Fondamentali, della giurisprudenza della Corte di giustizia e dell’analisi degli atti legislativi più rilevanti.

Prerequisiti

Per poter sostenere l’esame di Diritto dell’Unione Europea occorre aver superato gli esami di Istituzioni di diritto privato, Istituzioni di diritto romano, Diritto costituzionale e Diritto internazionale pubblico.

Contenuti dell'insegnamento

Origine ed evoluzione del processo di integrazione europea. Valori e obiettivi dell'Unione. Focus tematico 1: lo stato di diritto. Allargamento e recesso. Focus tematico 2: la Brexit. Le competenze: i principi di attribuzione, di sussidiarietà e di proporzionalità. Il quadro istituzionale: 1. Il Parlamento; 2. La Commissione; 3. Il Consiglio e il Consiglio europeo; 4. La Corte di giustizia. Focus tematico 3: il Mediatore europeo e il principio di buona amministrazione. Il sistema normativo. I Trattati. La Carta dei diritti fondamentali. Gli accordi internazionali. La procedura legislativa ordinaria. Focus tematico 4: l’iniziativa legislativa dei cittadini. Il rinvio pregiudiziale. Il ricorso di annullamento. Il ricorso in carenza. L’eccezione di invalidità. Diritto dell’Unione europea e diritto italiano. La cittadinanza e la libera circolazione delle persone. Focus tematico 5: i diritti sociali. Focus tematico 6: la risposta dell'Unione europea al Covid19.

Bibliografia

G. Strozzi, M. Mastroianni, Diritto dell'Unione europea. Parte istituzionale, ottava edizione aggiornata, Giappichelli, 2020 tutto

Metodi didattici

Le lezioni frontali sono dedicate all’illustrazione delle nozioni fondamentali dell’ordinamento dell’Unione europea risultanti dal trattato istitutivo e dagli strumenti applicativi vincolanti o di soft-law. L’implementazione del dato normativo è operata con riferimento alla più significativa giurisprudenza della Corte di giustizia ed all’analisi critica di alcune fattispecie applicative desunte dalla prassi e dalla giurisprudenza degli Stati membri. I focus tematici si concentrano sugli aspetti più recenti e controversi dello sviluppo dell’Unione europea, cercando di favorire l’interazione tra il docente e gli studenti.

Modalità verifica apprendimento

Esame orale. La prova orale si articolerà in due momenti. Lo studente verrà dapprima esaminato - con due domande - sulle nozioni fondamentali della materia (natura, obiettivi e fondamenti della Ue, istituzioni, sistema delle competenze, cittadinanza, fonti, tutela giudiziaria, rapporti con l’ordinamento interno) per verificare la sua preparazione di base. Verrà successivamente formulata una domanda su un tema specifico per assegnare un voto finale.

Nel corso del primo semestre dell’a.a. 2020/21, nel perdurare dell'emergenza sanitaria e a seconda dell'evolvere della stessa, l'esame di profitto potrà svolgersi o in modalità mista (in presenza, ma con possibilità di svolgimento a distanza per gli Studenti che ne facciano richiesta), oppure solo con modalità online. La modalità d’esame sarà comunicata con anticipo rispetto ad ogni appello su Esse3.