Modalità di iscrizione

titolo richiesto

Per essere ammesso al Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza, lo studente deve aver conseguito un diploma di Scuola secondaria di secondo grado o altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
La preparazione iniziale dello Studente è valutata considerando il profitto conseguito nel corso degli studî di Scuola secondaria superiore. È considerato idoneo, e quindi sufficientemente preparato a frequentare con profitto il Corso di Laurea, chi abbia conseguito il diploma di scuola secondaria superiore con un punteggio di almeno 70/100 (o 42/60).

A tutti gli Studenti, il Corso di Laurea offre e raccomanda un corso integrativo propedeutico, per l’approccio allo studio delle materie giuridiche e per l’acquisizione di competenze trasversali.

 

In ottemperanza alla normativa nazionale (D.M. n. 270/2004), le matricole che abbiano conseguito il diploma di scuola media secondaria superiore con una votazione inferiore a 70/100 (o a 42/60) sono sottoposte a una verifica preliminare della loro preparazione, salve le eccezioni previste. Nel caso di mancato superamento delle prove previste o di mancato assolvimento degli obblighi formativi aggiuntivi (OFA) entro il primo anno di Corso (art. 6, D.M. 270/2004), lo Studente non potrà comunque sostenere esami.

I requisiti e le modalità di ammissione al Corso di Laurea magistrale in Giurisprudenza sono previsti negli artt. 3 e 4 del Regolamento didattico del Corso, così come emendato nel mese di Maggio 2021.

 

La prova di accertamento ha carattere non selettivo, ma è obbligatoria. Non è prevista la formazione di graduatoria; la prova può essere “superata” oppure “non superata”.

Verifica preliminare della preparazione (matricole con voto di  maturità inferiore a 70/100)

Riconoscimento degli studi pregressi

Gli studenti con carriere pregresse e studi universitari già compiuti in Italia e all’estero che si iscrivono al Corso di laurea in Giurisprudenza possono richiedere il riconoscimento di tali attività.
Sulla base di criteri generali e predeterminati, al fine di concedere il riconoscimento, con la convalida di esami sostenuti e dei crediti acquisiti, e di indicare l'anno di corso al quale lo studente viene iscritto e l'eventuale debito formativo da assolvere, il Consiglio di Corso di studi tiene conto dei Regolamenti relativi ai programmi di mobilità studentesca riconosciuti dalle Università dei Paesi dell’Unione europea e di altri programmi di collaborazione interuniversitaria riconosciuti dall’Università di Parma.
La convalida di insegnamenti per almeno 30 CFU permette l’iscrizione al secondo anno. La convalida di insegnamenti per almeno 80 CFU permette l’iscrizione al terzo anno. La convalida di insegnamenti per almeno 130 CFU permette l’iscrizione al quarto anno. La convalida di insegnamenti per almeno 180 CFU permette l’iscrizione al quinto anno.

 

Per ulteriori dettagli vedi → Trasferimenti e passaggi